Fattura Elettronica verso la Pubblica Amministrazione

eSolver per la Produzione Manifatturiera

eSOLVER permette di gestire Distinte Basi con strutture complesse senza vincoli di livello e possibilità di definire differenti accezioni della Distinta Base in funzione del contesto aziendale nel quale vengono utilizzati. Oltre all'esplosione ed implosione sono previste altre funzioni predisposte per la creazione veloce e la manutenzione della Distinta Base.I Cicli di Lavorazione definiscono in dettaglio la sequenza delle fasi per la realizzazione del prodotto finito e del semilavorato sia mediante risorse interne (manodopera, macchinari, …) che esterne (terzisti). Ad ogni singola fase del ciclo è possibile assegnare le risorse produttive interessate, il tempo di ciclo, attrezzaggio, lavorazione e smontaggio.

La piattaforma Sistema Impresa risponde alle esigenze delle aziende di produzione manifatturiera.
 
Il patrimonio dei dati tecnici e dei Cicli di Lavorazione è un valore fondamentale per ogni Azienda di produzione. Un patrimonio da alimentare e mantenere, con una unica radice, il codice articolo, ma con diverse chiavi di lettura a seconda dell'ente destinatario.

Sistema Impresa, basato su eSOLVER, permette di gestire Distinte Basi con strutture complesse senza vincoli di livello. Oltre alla visualizzazione multilivello e la duplicazione, sono previste altre funzioni, quali la variazione, la storicizzazione, l’importazione da altre applicazioni e ulteriori applicazioni predisposte per semplificare e velocizzare la creazione e manutenzione della Distinta Base.

I Cicli di Lavorazione definiscono in dettaglio la sequenza delle fasi per la realizzazione del prodotto finito e del semilavorato sia mediante risorse interne (manodopera, macchinari, …) che esterne (terzisti). Ad ogni singola fase del ciclo è possibile assegnare le risorse produttive interessate, il tempo di ciclo, attrezzaggio, lavorazione e smontaggio.

Mediante specifici strumenti di analisi dell'attività produttiva e un evoluto istogramma di carico CRP (Capacity Requirements Planning) è possibile procedere alla pianificazione e al controllo delle varie fasi della produzione e all’analisi dei carichi delle capacità produttive.
L'MRP (Material Requirement Planning), è lo strumento di analisi attraverso il quale vengono confrontate ed analizzate le componenti di domanda diretta ed indiretta e di offerta di ciascun articolo di magazzino e vengono elaborate le proposte di produzione e di acquisto, i suggerimenti di anticipo ed eliminazione degli ordini già emessi ed i suggerimenti di sollecito degli ordini in ritardo.

La gestione delle attività relative alla produzione manifatturiera, grazie alla piattaforma applicativa Sistema Impresa, alimenta i dati della contabilità industriale in termini di prestazioni, produzione e materiali, predisponendo la base per lo sviluppo di un sofisticato sistema di controllo di gestione.

Pianificazione Fabbisogni Capacità Produttiva

Pianificazione fabbisogni capacità produttiva

Il modulo comprende una serie di funzioni volte a pianificare e controllare i carichi di lavoro attraverso una serie di strumenti grafici di interrogazione e gestione degli ordini di produzione.

Tali funzioni prevedono lo possibilità di definire più "ambienti" di lavoro, con l'obiettivo di fornire a ciascun responsabile di reparto il proprio strumento operativo e consentire di elaborare delle simulazioni, definendo più scenari, uno dei quali può diventare effettivo, aggiornando automaticamente gli Ordini di produzione analizzati.

È inoltre possibile intervenire sui carichi, modificando il periodo di produzione, eseguendo il lancio in produzione.

Vengono evidenziati eventuali ritardi rispetto al periodo di lavorazione pianificato ed è possibile modificare in modo automatico il periodo di pianificazione in base all'effettivo stato di avanzamento della fase.

La procedura consente di effettuare degli spostamenti temporali nell'esecuzione delle fasi di lavorazione, effettuando automaticamente dei controlli sulla disponibilità oraria non ancora assegnata.

Il modulo prevede anche la possibilità di ripianificazione automatica delle fasi che cadono in giorni in cui la risorsa ha un carico previsto superiore a quello teorico.

La funzione "Ripianifica in avanti" si occupa di livellare il carico sulla risorsa, rispettando la sequenza delle fasi assegnate a tale risorsa.

I Cicli di Lavorazione su eSolver

I Cicli di Lavorazione su eSolver

Il modulo costituisce il naturale complemento della Gestione Distinta Base consentendo di dettagliare le lavorazioni a cui devono essere sottoposti i materiali per la realizzazione dei prodotti finiti.

Sono previste tipologie di cicli di lavorazione diversi in funzione del contesto di applicazione (per esempio produzione interna, produzione esterna, progettazione da parte dell'ufficio tecnico, ...).

Ogni ciclo di lavorazione può essere riferito ad una versione di distinta base in termini di codice, tipo, alternativa, data, stato; questo legame garantisce in ogni momento la coerenza fra distinta base e ciclo di lavorazione.

Le singole fasi che compongono il ciclo di lavorazione prevedono la definizione fino a due risorse produttive, il numero di unità operative impiegate direttamente, la percentuale di impiego della risorsa in termini di tempo per l'attrezzaggio e la lavorazione.

Tali informazioni costituiscono l'elemento per la determinazione dei costi per singola fase di lavorazione.Per i cicli di lavorazione eseguiti in parte internamente ed in parte presso terzi, esiste la possibilità di definire quali fasi sono eseguite in c/lavoro e quale è il terzista di riferimento.

Le attività di manutenzione delle anagrafiche dei cicli di lavorazione possono essere realizzate attraverso una specifica utility finalizzata a modificare, in modo rapido ma controllato, le risorse e i tempi definiti su ciascuna fase di lavorazione.

Funzioni

 

  •  Tipologie di Ciclo di Lavorazione: gestione di diverse tipologie di ciclo in funzione dell'ambito di applicazione:
    • standard: utilizzato nell'ambito della produzione interna;
    • conto lavoro: utilizzato nell'ambito del conto lavoro per identificare il ciclo di lavorazione utilizzato dal terzista;
    • tecnico: utilizzato a scopo documentale, tipicamente dall'ufficio tecnico, per la progettazione; identifica il Ciclo tecnico di prodotto.

 

 

  •  Versione Ciclo di lavorazione: ogni ciclo di lavorazione può essere riferito ad una versione di distinta base in termini di codice, tipo, alternativa, data, stato; questo legame garantisce in ogni momento la coerenza fra distinta base e ciclo di lavorazione.
  • Posizione fase nel ciclo di lavorazione: possibilità di inserire fasi in qualunque punto del ciclo, mediante assegnazione manuale del numero di posizione. È possibile inoltre modificare la posizione di una fase precedentemente caricata.
  •  Materiali utilizzati nella fase di lavorazione: possibilità di associare per ciascuna fase i materiali da movimentare nella fase stessa, scegliendoli dalla distinta base associata.
  •  Fasi di lavorazione in Conto Lavoro: per i cicli di lavorazione eseguiti in parte internamente ed in parte presso terzi, esiste la possibilità di definire quali fasi sono eseguite in c/lavoro e qual è il terzista di riferimento.
  •  Annotazione e allegati: possibilità di associare annotazioni e/o allegati alle versioni del ciclo.
  • Manutenzione Ciclo di lavorazione: utility di manutenzione multipla dei cicli, finalizzata a modificare, in modo rapido ma controllato, le risorse e i tempi definiti su ciascuna fase di lavorazione.

Elaborazioni e Interrogazioni

  • Stampa dei cicli di lavorazione: stampa dei cicli di lavorazione con la possibilità di selezionare il tipo di ciclo di lavorazione e la data di validità a cui fare riferimento.

 

La Gestione Distinta Base su eSolver

La Gestione Distinta Base su eSolver

Il modulo consente di definire la configurazione di un articolo composto potendo impostare tipologie di distinta in funzione dell'applicazione (per esempio produzione interna, produzione esterna, progettazione da parte dell'ufficio tecnico, ...).

La definizione della distinta base può essere riferita all'unità di prodotto o a quantità di riferimento diverse.

La Gestione delle Distinta Base prevede la storicizzazione delle configurazioni dei componenti dell'articolo mediante l'identificazione della versione di distinta base che individuata la data di decorrenza della specifica configurazione.

La gestione delle "Alternative di distinta" consente la definizione di più configurazioni dell'articolo composto potendole identificare con dei codici impiegabili in sede di registrazione dei documenti per individuare quale configurazione utilizzare tra quelle previste.

Qualora sia prevista la gestione delle varianti è possibile definire distinte con Varianti (i componenti possono essere condizionati in base alla Variante del composto) e distinte per Variante (ogni variante del composto ha una specifica Distinta Base).

I componenti possono essere caratterizzati da una serie di attributi volti a specificarne la modalità di utilizzo.

Si evidenzia in particolare la gestione dei componenti:

  • approvvigionati da terzista: il loro approvvigionamento è in carico al terzista;
  • fantasma: semilavorati che non devono avere una gestione esplicita a sistema ma che vengono dichiarati in distinta per ragioni di chiarezza tecnica;
  • accessori al composto: prevedono una movimentazione di magazzino analoga al composto in sede di consuntivazione della produzione.

Funzioni

  • Tipologie di distinta: gestite diverse tipologie di distinta in funzione dell'ambito di applicazione:
    • standard: utilizzata nel ciclo attivo, passivo e produttivo;
    • conto lavoro: utilizzata nell'ambito del conto lavoro per identificare la lista dei materiali da fornire al terzista;
    • tecnica: utilizzata a scopo documentale, tipicamente dall'ufficio tecnico, per la progettazione; identifica la Distinta Tecnica di Prodotto.
  • Versioni di distinta: per ciascuna distinta possono essere definite più versioni di distinta base, ciascuna individuata da una data di decorrenza.
  • Stato della distinta: possibilità di gestire uno "stato" della versione che permette di discriminare la condizione della distinta: normale, sospesa, annullata.
  • Creazione di una distinta: possibilità di creare una nuova distinta base con la funzione di copia da un’altra versione di distinta dello stesso articolo o da una distinta di un altro articolo, con la possibilità di sostituire in modo rapido ed intuitivo alcuni componenti.
  • Posizione componente in distinta: possibilità di inserire componenti di distinta in qualunque posizione, mediante assegnazione manuale del numero di posizione stesso. È prevista inoltre la possibilità di modificare la posizione di un componente già inserito in precedenza in modo da mantenere la distinta base coerente con la sequenza del processo produttivo.
  • Manutenzione distinta: è disponibile un utility di manutenzione multipla della distinta base, al fine di sostituire, eliminare e inserire un articolo o di modificare la quantità utilizzata su tutte le distinte base in cui questo è presente.
  • Validità componenti: possibilità di gestire la validità dei componenti all'interno della distinta in base ad un periodo di riferimento o al valore della configurazione di variante del composto.
  • Annotazioni e allegati: possibilità di associare annotazioni e/o allegati alle versioni di distinta base.

Elaborazioni e Interrogazioni

  • Visualizzazione distinta base: interrogazione e gestione della distinta base multilivello.
  • Esplosione distinta base: stampa dell'esplosione scalare della distinta base per avere la visione di insieme della struttura del composto. Possibilità di definire il livello massimo di esplosione. Esportazione su Excel della distinta base.
  • Implosione articolo: stampa dell'elenco di distinte base che prevedono come componente l'articolo oggetto d'analisi. 

Costificazione Prodotti

Il modulo di Costificazione Prodotti consente di definire con un notevole grado di libertà le configurazioni di costo in base alle quali eseguire le valorizzazioni dei prodotti.

Le configurazioni di costo sono strutturate su due livelli per poter gestire le componenti di costo diretto (materie prime, manodopera, lavorazioni interne, lavorazioni esterne) e le componenti di costo indiretto (definibili dall'utente).

Le configurazioni di costo possono essere indicate a livello:

  • aziendale: valida per tutti gli articoli;
  • di famiglia: personalizzata per la specifica famiglia;
  • articolo: personalizzata per lo specifico articolo.

La determinazione del costo avviene mediante l'elaborazione della procedura di "Calcolo costo articoli" che deriva i costi delle risorse produttive e dei materiali in funzione della data di riferimento indicata.

In sede di valorizzazione è possibile applicare per articolo, o per suoi aggregati, una percentuale di variazione per rettificare i valori delle singole componenti di costo.L'elaborazione può essere eseguita per una quantità diversa dall'unità al fine di gestire casistiche in cui vi siano componenti di costo infinitesimali che non devono essere trascurate (materie prime con costi unitari ridotti ed utilizzate in quantità di distinta molto basse).

I dati della valorizzazione possono essere analizzati mediante l'interrogazione del calcolo o tramite uno specifico report esportabile su Excel per effettuare delle simulazioni sulle configurazioni di costo.I valori calcolati possono essere automaticamente utilizzati per aggiornare il costo standard degli articoli, storicizzando i valori precedentemente definiti.

Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione

Il Modulo raccoglie i principali strumenti organizzativi attraverso i quali è possibile gestire ed organizzare il Processo Produttivo interno all'Azienda.

Gli elementi costitutivi del modulo sono l'elaborazione del Piano di produzione, l'Ordine di Produzione, l'Avanzamento di Produzione e la stampa del Cartellino di Lavorazione.

Per la pianificazione di breve periodo viene utilizzato il Piano di produzione che consente di verificare la producibilità degli OdP in termini di disponibilità dei materiali (component ATP).

Per le Aziende che producono su commessa sono disponibili una serie di strumenti espressamente pensati per gestire le specificità di tale tipologia di produzione.

Come per esempio la possibilità di esplodere la distinta base fino all'ultimo livello sull'ordine di produzione così come la possibilità di parametrizzare l'avanzamento della produzione per spostare i materiali dal magazzino dei generici alle ceste di commessa (aree di magazzino).

Per la produzione su commessa è inoltre prevista la funzione di creazione degli ordini di produzione a partire dagli ordini cliente, in modo da mantenere un legame forte tra i due documenti.

Il modulo consente la rilevazione dei costi di produzione associati ai materiali e alle fasi di lavorazione e di analizzare gli scostamenti tra i valori a preventivo (da ordine di produzione) e quelli a consuntivo (da avanzamenti di produzione).

Funzioni

  • Esplosione della Distinta Base: l'ordine di produzione prevede la possibilità di esplodere la distinta base fino all'ultimo livello con la creazione automatica delle righe di ordine di produzione dei componenti.
  • Sostituzione automatica componenti della Distinta Base: prevista la possibilità di sostituire automaticamente uno o più componenti della Distinta Base in funzione del cliente titolare dell'Ordine di Produzione.
  • Fasi di Lavorazione sull'Ordine di Produzione: possibilità di gestire le Fasi di lavorazione dell'ordine di Produzione.
  • Variazione materiali e fasi di lavorazione sull'Ordine di produzione: possibilità di variare i materiali previsti a Distinta e le fasi di lavorazione previste dal Ciclo di lavorazione.
  • Creazione automatica Ordine di Produzione da Ordine cliente: per i prodotti finiti realizzati su commessa è necessario mantenere il collegamento tra l'ordine cliente e l'ordine di produzione, a tale scopo è disponibile uno specifico strumento che, oltre ad eseguire la creazione degli ordini di produzione, permette di monitorarne lo stato di avanzamento. Gli impegni sui materiali generati da questi ordini di produzione possono poi essere considerati dal Piano di approvvigionamento per il calcolo dei loro fabbisogni e la generazione delle relative proposte di approvvigionamento.
  • Consuntivazione della produzione: la registrazione dell'avanzamento di produzione prevede diverse modalità di consuntivazione per adattarsi alle diverse esigenze delle Aziende di produzione. Consente infatti di:-     rilevare il versamento del Prodotto Finito con conseguente scarico automatico dei Materiali di lavorazione definiti sull'Ordine di Produzione-     rilevare il Consumo di Materiale in corso di lavorazione-     rilevare gli scarti di produzione-     rilevare il Trasferimento di Materiale in produzione-     rilevare l'avanzamento della fase di lavorazione.
  • Rilevazione costi di produzione: rilevazione dei costi associati ai materiali e alle fasi di lavorazione ed analisi degli scostamenti tra i valori a preventivo (da ordine di produzione) e a consuntivo (da avanzamenti di produzione).
  • Rivalorizzazione Ordini di Produzione: rivolta a processi produttivi caratterizzati da lunghi lead-time, che prevedono la registrazione puntuale dei costi relativi ai materiali ed alle ore in corrispondenza del loro consumo.
  • Rivalorizzazione Versamenti di Produzione: rivolta a processi di produzioni ripetitivi caratterizzati da brevi lead-time che prevedono la registrazione del consumo dei materiali e delle ore contestualmente alla registrazione del versamento a magazzino del prodotto finito.

Elaborazioni e Interrogazioni

  • Piano di produzione: elaborazione che consente di gestire il rilascio ai reparti produttivi degli ordini di produzione pianificati all'interno dell'"orizzonte congelato di produzione", verificando la disponibilità dei materiali (component ATP) e consentendo la stampa dei cartellini di lavorazione.
  • Cartellino di lavorazione: stampa su formato libero del cartellino di lavorazione e della lista materiali.
  • Analisi carichi di produzione: analisi e gestione dei carichi di produzione tramite prospetti grafici (diagrammi di Gantt) con molteplici livelli di dettaglio (per ordine di produzione, per linea di produzione e per risorsa).
  • Controllo Avanzamenti Produzione: interrogazione per singola riga Ordine di Produzione degli avanzamenti materiali e fasi con la possibilità di accedere, eventualmente per modificarli, ai vari documenti visualizzati.
 

 

eSolver: le Funzionalità